Browsing "A volte capita"

Be water, my friend

bewater

Fin dalla prima volta che ho sentito questa frase, in un’intervista a Bruce Lee, ne sono rimasta affascinata.

Tuttavia più di una volta mi sono interrogata se fosse corretto cercare di essere “acqua”.

Leggendola può sembrare infatti che inviti all’adattamento ad ogni situazione, ma io credo ci sia ben altro: in quell’intervista Bruce intendeva ben più che “adattatevi a ciò che incontrate”.

Io la leggo come un “vivete appieno ogni istante”, una sorta di Carpe Diem.

Read more »

Popolo di Arendelle, Elsa ha abdicato!

ElsaAbdica

Sabato pomeriggio, il sole splende, le pupaz giocano indisturbate con bambole, carte e travestimenti.

Nessuno osa pensare che questa giornata sta per trasformarsi in un brutto momento per la storia di Arendelle.

Eppure a volte succede che le giornate apparentemente più tranquille diano luogo a drammi epocali.

Così, quando l’intera famiglia decide di andare a fare un giro ecco che accade.

Read more »

Il mio primo spray-post


LAfrase

Oggi pensavo ad un’immagine da usare per quei post che spuntano dal nulla, quelli che vorresti scrivere di getto ma che poi restano in un angolo della mente perché in quel momento ti manca l’immagine da inserire e “il manuale del perfetto blogger” dice che un post senza immagine è paragonabile alla Monna Lisa senza sorriso.

Beh, io non pretendo di essere una “perfetta blogger”, ma scrivere un post senza foto mi da un pelino fastidio (colpa forse di qualche amica grafica che mi assillerebbe fino all’esaurimento!).

Ma proprio non mi va nemmeno di lasciare questi embrioni di post a marcire finché non mi rendo conto che il loro tempo è passato.

Cercherò quindi un’immagine abbastanza neutra da poter fare da sfondo ai miei “spray-post” scritti come graffiti sui muri delle scuole, di getto e di cuore.

Questo pensiero mi ha riportato alla mente una delle mie frasi preferite, del mio film preferito, con il mio attore preferito che, ahimè, oggi lascia un vuoto incolmabile nella scena cinematografica, televisiva e teatrale.

A costo di sembrare banale e una voce in un coro oggi fin troppo unanime, il mio primo Spray-Post (con immagine però dedicata) lo voglio dedicare a lui, come attore, come essere umano, con le sue debolezze e la sua sensibilità innata che forse, nei suoi eccessi, ha causato parte del morbo che lo ha spinto ad abbandonarci e che oggi ci lascia un mondo sicuramente un po’ più triste e vuoto.

Nano Nano…

 

 

Decisamente non in grado..

operazione

 

Ci sono giorni che davvero non capisco come si faccia a decidere di diventare genitori senza pensare quanto dolore potrebbe provocare questa scelta.

Sono quei giorni in cui sei in attesa, sospesa su un filo, in attesa che qualcuno ti dica che tutto è andato bene.

Sono quei giorni in cui affidi tua figlia alle mani di “chirurghi esperti” e speri che siano davvero esperti e che non bevano un succo di frutta mentre la stanno operando, che non dimentichino nulla in giro e che tutte queste cose che si sentono nei telegiornali, visto che sono già capitate, non capitino più!

Sono quei giorni in cui un’operazione veloce, ordinaria e di routine ti sembra infinita e complicatissima.

In quei giorni mi rendo conto che non sono in grado, decisamente non sono in grado: non sono in grado di fare la mamma coraggiosa, di sostenere lo sguardo lacrimante della mia bimba che mi implora di portarla a casa, di far finta che tutto vada bene e che il fatto di vederla cedere sotto effetto dell’anestesia non mi preoccupi e non mi lasci con il fiato in sospeso..

Decisamente non sono in grado, non sono assolutamente in grado di reggere il dolore delle mie pupaz..

Ho premuto il pulsante del ritorno..

PushedBackButton

Quando tutto sembra che stia migliorando, quando credi di aver trovato un equilibrio, quando credi di aver trovato una via per tornare a quella quieta e felice normalità che ora ti manca tanto..
E’ proprio in quel momento che il DIO, il COSMO, il FATO, il KARMA, scegliete voi come chiamarlo, decide che sia il momento di dare una scossa, una NUOVA e PESANTISSIMA scossa..
Perché non sarebbe divertente se lo facesse in un momento di SFIGA COSMICA!!! (scusate la licenza poetica..)

Del resto, come diceva John Lennon “La vita è ciò che ti accade quando sei tutto intento a fare altri piani“..
ubi maior minor cessat .. e io sono indubbiamente MINOR rispetto a Lennon, quindi mi rassegno alla sua ineluttabile saggezza!

Ecco quindi che il mio Cosmo ha deciso di giocarmi un bello scherzetto spedendomi in ospedale appena prima delle tanto anelate vacanze!

Diagnosi: TEP o, per i non addetti ai lavori e per i fortunati che non ci hanno mai avuto a che fare finora, Trombo Embolia Polmonare.
Avete presente care amiche quella controindicazione che trovate nel bugiardino della pillola, quella indicata come caso rarissimo???
Ecco: esattamente quella!

Una mattina, svegliata di buon ora con uno strano male alla gamba, mi sono recata, come al solito in ufficio ma, prima di raggiungerlo, il dolore era passato improvvisamente lasciando il posto ad una sensazione di mancanza di fiato, di vertigine e di stanchezza infinita.

Sono finita in ospedale, ho passato 4 giorni in terapia intensiva e 11 giorni complessivamente in ospedale.
Sono ancora in via di ripresa.
Ma viva e vegeta
!!!

Si, è stata una bella botta! Mi sento come se avessi schiacciato il bottone BACK e fossi tornata da.. non so dove.. Avete presente il telefilm “Drop Dead Diva“? Per coincidenza o SINCRONICITA’, qualche settimana prima di questo evento ho iniziato a vederlo e mi ha appassionata!

Considerate che l’ultimo anno e mezzo è stato costellato da una serie di avvenimenti più o meno intensi ma sicuramente di “grande impatto”: l’avvento di zippi, il piccolo incidente di papuzzo e altre banalità che, per evitare il rinnovarsi della depressione globale, eviterò di menzionare!

Beh, come potevo mancare io nella lista delle “sfighe”?
La battuta più comune ormai è “ma cosa ne dite di un viaggetto a Lourdes?” GRAZIE! Molto carini!

Al di là dei simpatici commenti di amici e non, una domanda mi sorge spontanea: COSA DIAVOLO STA’ CERCANDO DI DIRMI IN MODO COSI’ INTENSO IL COSMO?!?!?!?!?!?

No perché a questo punto direi proprio che devo dargli retta! Mica posso indispettirlo! Si è impegnato talmente tanto a SPIEGARMI che qualcosa va cambiato!

PRONTO?
Signor DIO, COSMO, FATO, KARMA o chiunque tu sia..

Ok, ok, ho capito, QUALCOSA va cambiato, ma carissimo il mio DIO, COSMO, FATO, KARMA o chiunque tu sia, cosa ne dici di essere un po’ più esplicito e di spiegarmi COSA devo cambiare nella mia vita? NOTA: non mi servono più avvertimenti, di quelli ne ho avuti a sufficienza e il messaggio è passato forte e chiaro, ma ora mi servirebbe una DIREZIONE, un INDIRIZZO, un SUGGERIMENTO (magari in un modo un po’ meno traumatico: sono sicurissima che ne sei capace! e te ne sarei molto grata!)..

Quindi cosa facciamo? Rimaniamo che ti fai vivo tu? Io aspetto eh?!?!?!??!

A presto, fatti vivo.. RIPETO, in modo più SOFT eh!!!!
Allora mi fido
Ok allora
CIAO! ”

Nel frattempo mi crogiolo nella convinzione che, nonostante tutte le sfighe, SIAMO DAVVERO MOLTO MOLTO MOLTO fortunati!
Canticchiate insieme a me: “don’t worry be happy..”
🙂

Ah, dimenticavo: i film americani sono una bufala! Non c’è nessuna luce, nessun tunnel che vi aspetta quando state .. ehm .. diciamo “in bilico”! Non c’è proprio niente! Quindi non createvi aspettative! GIURO che non c’è! o forse io ho sbagliato strada!?!?!?!??!?! 😀

Pages:123»
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com