Come ti salvo la vita (o almeno ci provo…)

manovreCBI

Quando Nocciolina aveva solo 3 mesi, mi è capitato di assistere ad una scena che non auguro nemmeno alla mia peggior mamma-nemica.

Mentre stava giocando sul tappetino in sala con Scricciolo, io stavo colando la pasta in cucina, immersa nei pensieri di una perfetta “CasalingaTemporaneaLavoratriceInMaternità”.

Nel giro di pochi minuti, un pianto “strano” e un silenzio ancora più strano avevano investito la sala. Sono corsa a vedere e ho trovato Nocciolina sdraiata a pancia in su in uno stato di semi-incoscienza che emetteva un suono surreale. Il panico mi ha avvolta, l’ho presa in braccio e ho cominciato a urlare chiedendo aiuto: ho aperto la porta con un calcio e ho chiamato con tutta la voce mentre dicevo a Scricciolo di comporre il numero di mia madre. La mia piccola, colta da un attacco di MarioMerolite, aveva inscenato uno dei più brutti scherzi che una bimba così piccola possa fare alla madre: Spasmo Affettivo. Così ho scoperto che esiste questa forma di “richiesta di aiuto/attenzione” da parte di un bambino quando qualcosa lo spaventa o quando sperimenta una frustrazione o un dolore.

A mente fredda, dopo lo scampato infarto mammifero, mi sono resa conto di essere totalmente impreparata ad eventi di emergenza che necessitino di un’azione veloce e mirata.

In quel preciso momento ho deciso che avrei seguito un corso di primo soccorso.

Ci ho messo ben 4 anni, ma alla fine ce l’ho fatta! E per fissare bene i concetti, l’ho seguito ben 2 volte! La prima a Dicembre, la seconda a Marzo.

Ce ne sono tantissimi sul tutto il territorio e tutti proposti da enti qualificati e da personale preparatissimo e VOLONTARIO (a quanto pare di Angeli in terra ce ne sono ancora!).

Io ho seguito il corso “Disostruzione delle vie aeree nel bambino e nell’adulto” organizzato da Croce Bianca.

L’incontro è rivolto a tutti: genitori e insegnanti, che sono normalmente a contatto con i bambini, ma anche a tutti i cittadini  che vogliano ‘SAPERE COSA FARE’, perché in quel momento può essere fondamentale, può essere di vitale importanza per salvare un essere umano.

Durante la prima parte, i Volontari spiegano, con l’aiuto di slide, come riconoscere i sintomi di ostruzione delle vie aeree, nell’infante, nel bambino e nell’adulto, e quali sono i passi da seguire per attuare un intervento mirato e, soprattutto, più efficace possibile. Nella seconda parte, con l’aiuto di manichini e “volontari manichini” si mettono in pratica le manovre apprese con la teoria: disostruzione delle vie aeree e massaggio cardiaco.

Due ore dense e molto intense, dove si scopre che, ogni anno, almeno 50 bambini perdono la vita a causa di soffocamento da corpo estraneo ingerito accidentalmente, ma anche perché chi li assiste sin dai primi drammatici momenti non è a conoscenza del modo corretto con cui intervenire. Dove si impara che la prima cosa da fare è chiamare il 118, che è fondamentale dare i riferimenti del luogo in cui ci si trova, che NON VANNO CACCIATE LE DITA IN GOLA a chi sta soffocando, che il fare la cosa giusta può fare la differenza tra la vita e la morte, anche se ci sembra di poter fare poco…

Si impara che dietro il 118 c’è una rete di medici in ascolto che, mentre noi descriviamo l’accaduto, analizza i sintomi e allerta l’operatore più vicino e che, alla fine, non siamo mai soli, perchè il 118 resta in contatto con noi fino a quando non arrivano i soccorsi.

Ora più che mai posso dire che non solo TUTTE LE MAMME, ma che TUTTI GLI OPERATORI che sono in contatto giornalmente con i bambini dovrebbero essere obbligati a  seguire un corso di questo tipo. Per imparare “I cinque colpi che salvano una vita” e dare una speranza in più a chi si trova in difficoltà.

La maledizione del compito perduto

compiti

 

Chiunque abbia un figlio di età compresa tra 8 e 2657 anni, sa di che cosa parlo…

Una volta entrati nel turbine dei compiti non c’è via d’uscita: vieni risucchiato e addio! E’ stato bello conoscerti…

E io sono ancora abbastanza giovane per sapere che questa sensazione di smarrimento non finirà mai… perché sia come figlio che come genitore l’incubo compiti ti perseguita senza tregua.

Ecco quindi che tutte le sere si ripete lo stesso rito: “ecco i compiti per domani” “ok, inizia a farli” “io non li so fare da sola… e non si fanno così la maestra dice che vanno fatti in un altro modo… cavoli io odio la matematica/storia/grammatica (a discrezione del soggetto e del momento contingente)… uffa quanti compiti… io sono stanca… ho mal di testa… ma domani non ho la verifica…”

E mentre la mamma disperata fa appello a tutta la forza innata (essendo cavaliere Jedi da quando ha partorito) per evitare di strozzare il figliolo frignante, i compiti arrivano inesorabilmente al compimento e la serata volge al termine.

Ma di tanto in tanto capita che, proprio quando il cavaliere Jedi crede che la sua missione sia volta al termine e sta per riporre la spada laser nella cintura, un ultimo efferato compito, dimenticato nel diario o addirittura lasciato alla memoria dello sbadato pupillo, sbuca da sotto il letto e urla vendetta!

E la solfa ricomincia… “io non li so fare da sola… e non si fanno così la maestra dice che vanno fatti in un altro modo… cavoli io odio la matematica/storia/grammatica… uffa quanti compiti… io sono stanca… ho mal di testa… ma domani non ho la verifica…”

Cara mamma/Jedi, che la forza sia con te!

Feb 22, 2014 - HomeSweetHome    No Comments

Voglia di…

vogliaDiTramontoGC

 

Mare, tramonto, tranquillità…

Il rumore delle onde e il profumo del mare mi riempie e m rilassa.

Si, lo ammetto: sono meteoropatica.

E AMO il mare. Quando sono qui mi sembra che tutto vada bene, che non ci sia una sola cosa al mondo che possa turbare a mia vita.

Il mare lo sento dentro… e mi rilassa, mi riempie, colma le lacune e porta via con se tutti i pensieri negativi.

Le onde mi “puliscono” l’anima trascinando con se la tristezza e il senso di sconfitta.

E lasciano dietro di se, e dentro di me, solo pace e tranquillità…

Feb 18, 2014 - HomeSweetHome    No Comments

Amicizia e tempo

AmiciziaTempoE’ proprio quando meno te lo aspetti che arriva come una bomba. La consapevolezza. La realtà.

Passi mesi, forse anni, a cercare di far finta di niente e poi un messaggio su whatsapp e capisci che ti stai perdendo.

Stai perdendo delle relazioni che fino a qualche tempo fa colmavano i tuoi vuoti, stai perdendo quegli amici che vedevi a intervalli regolari altrimenti non si stava bene…

Stai perdendo

E ti trovi a domandarti “Perché è successo?”

Una risposta ce l’hai: “il tempo“… Il mio TEMPO, il loro TEMPO, il TEMPO dedicato al lavoro, alla spesa, alla casa, alla pigrizia… IL TEMPO è ciò che allontana, come il tempo è ciò che avvicina.

Due i messaggi che stanotte non mi fanno dormire.

Il primo di un’amica che sta lottando al fianco di una sua carissima amica: di fronte alle avversità e ai problemi lei è li, accanto, e la sostiene. Con le lacrime agli occhi per la commozione ho desiderato un’amicizia così forte, così pura. E m sono chiesta se ce l’ho ancora.

Perché un tempo l’avevo, era grande, pura e forte… Ma che fine ha fatto?

Il TEMPO me l’ha portata via… O io non ho saputo tenerla… O io non riesco più a vederla…

Perché lei è li… tra di noi… e probabilmente aspetta che entrambi ci rendiamo conto che è finito il TEMPO! Che dobbiamo ritagliarci i nostri spazi…

Il secondo messaggio, un’altra amica, che con una “catena” mi dice che m vuole bene… Una che non è tipo da catene… Ecco… allora C’E’ ancora tempo…

Si, ne sono sicura… 🙂

Cronaca di una giornata che doveva essere “normale”

h8-00Oggi vi voglio raccontare la storia di una giornata iniziata come tante e finita come nessuno al mondo vorrebbe potuto immaginare.

Si perché quando lasciati il tuo piccolo in una struttura di cui ti fidi, tra le braccia di persone di cui ti fidi, mai più ti aspetti di vedere immagini che ti mettono di fronte ad una terribile realtà: che questi fatti di cronaca possano accadere nel asilo nel quale ogni giorno il tuo piccolo passa almeno 5 ore.

Maestre che da educatrici si trasformano in nemiche di tutti i giorni: bimbi strattonati, imboccati a forza, schiaffeggiati, terrorizzati.

Oggi invito tutti a leggere questa pagina, perchè oggi, per il quarto anniversario di quella tremenda giornata, la Via dei Colori pubblica la cronaca ora per ora di quanto è successo realmente.

Lo straziante racconto di mamme coma noi, che si trovano ad affrontare un mondo che non credevano potesse esistere fuori dagli incubi notturni.

Mamme che ricorderanno a vita questa data: il 2 dicembre 2009.

Ilaria, Caterina, Cristiana ma tante altre, che quattro anni fa, come ogni giorno, portavano a scuola i loro bimbi, non sapendo che questa giornata si sarebbe rivelata l’inizio di un incubo e la soglia del baratro.

#ventiquattro ore scandite e raccontate “Ora per ora” per fare capire a tutti quello che è accaduto quel maledetto giorno.

#ventiquattro ore che, a distanza di un anno, vengono ricordate da La Via dei Colori durante la pubblicazione del sito e la dichiarazione della nascita dell’associazione: il 2 Dicembre 2010.

Ad oggi l’associazione, punto di riferimento per tutti coloro che rimangono coinvolti in situazioni analoghe, offre gratuitamente consulenza tecnica di primo livello, sostegno organizzativo, morale, legale, medico ed informazioni utili su dove e come muoversi. Questa associazione nasce dal coraggio di genitori che non si sono arresi e hanno deciso di unire le forze e di creare un gruppo di persone e professionisti che combattono non solo per dirvi di non mollare ma per aiutarvi a non farlo. La Via dei Colori è questo: una splendida Famiglia.

In questo tristissimo giorno costellato di momenti terribili, Buon compleanno LVDC.
Una Fantastica Vita Normale è felice di essere dalla vostra parte.

Pages:«1234567...16»
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com